14 ottobre 2007

IT - Qualche test per perdere tempo(?)

Ora, io dico, saranno anche coincidenze ma, ogni volta che decido di provare una nuova distribuzione, nel giro di 24 ore torno sempre sui miei passi. E non è una questione di conoscere meglio una piattaforma o l'altra, ho iniziato la mia esperienza con linux dalla fedora (4), sono poi passato alla openSuse 10, con la quale ho avuto mesi felici, per poi passare a kubuntu con la quale comunità mi sono trovato molto bene. Ma tutto questo giro non mi ha permesso che di constatare la superiorità della distribuzione sponsorizzata da novell. Questa mia riflessione deriva dall'ultima esperienza che ho avuto. Riguarda la configurazione di una scheda wireless pci. Avendo deciso di vendere il computer desktop di casa, un fujitsu-siemens con pentium 4 e 512MB di ram e scheda nvidia, ho iniziato a progettare una locandina accattivante basandone il testo su kubuntu ritenendo comunque la opensuse 10.2 già troppo avanzata per l'utente di basso livello. La kubuntu infatti soddisfa i presupposti che si impone, essendo veramente semplice poichè priva di eccessivi moduli di configurazione e rendendosi perciò adatta ad un utilizzo desktop pressochè immediato. Che tutto l'hardware sia però supportato al 100% altrimenti sono dolori!

La mia esperienza comincia infatti installando senza problemi kubuntu sul computer in oggetto. le mie intenzioni erano di configurare un ambiente base, con i principali software di prima necessità, ma con la rete wireless già predisposta ad un utilizzo immediato. Niente di più semplice direte voi...

Al primo avvio della distribuzione tutto sembra ok, tranne la rete wireless che già sapevo non avrebbe funzionato, quindi nessuna sorpresa. Scarico sul desktop il file compresso contenente i driver della scheda wireless (http://rt2x00.serialmonkey.com) mi accerto che l'attrezzatura necessaria per la compilazione dei driver sia presente (gcc, i sorgenti del kernel), smonto il modulo del driver che kubuntu ha caricato all'avvio ("rmmod --force rt61pci"), cancello il driver (che non funziona, ma si sapeva) dal sistema (trovati con "find / -name rt61*") e mi avvio alla compilazione del modulo corretto. L'operazione è breve e procede senza intoppi, la compilazione e l'installazione riportano solo un "warning" che riguarda le dimensioni del modulo compilato, per il resto tutto ok. A questo punto, d'accordo con le guide che ho seguito per la configurazione della scheda, carico il modulo ("sudo modprobe rt61") e faccio "iwlist wlan0 scanning". I risultati ci sono, la scheda trova effettivamente le reti wireless presenti nella mia zona. Passo dunque alla configurazione dei parametri di connessione tramite la comoda interfaccia del centro di controllo della kubuntu, ma ad un riavvio dei servizi di rete nulla sembra funzionare, le luci della scheda lampeggiano ma la connessione non avviene. Tento il riavvio ma nulla ancora, la scheda viene rilevata ma non riesce a collegarsi all'access point, quindi nessun indirizzo di rete. Decido allora di provare con la fedora 7, stessa procedura, stesso pacchetto sorgente per i driver. L'unica differenza è che la fedora, al posto del modulo driver rt61pci, quello che non funzionava sulla kubuntu, distribuisce il nuovo driver unificato per le schede con chipset ralink, il modulo si chiama rt2x00 e sarà un giorno il driver di default, open source, per tutte le schede di rete wireless con chipset ralink. Sarà, perchè ancora non funziona. Di fatto seguo la stessa procedura di cui sopra per l'eliminazione dei driver errati, e installo quelli nuovi. Stessa identica procedura e risultati di cui sopra. La scheda da segni di vita ma non si interfaccia correttamente con l'access point. Il che significa niente indirizzo di rete, niente connessione. Decido allora di tentare con la opensuse 10.2 più che altro per verificare il corretto funzionamento della scheda e della infrastruttura alla quale cerco di connettermi. Installo, tolgo i driver che la distribuzione installa di default e metto quelli del pacchetto che oramai ho provato già varie volte. Compilo , installo e configuro senza problemi, riavvio i servizi di rete (yast lo fa da se in verità) e tutto funziona correttamente, sono online... Che faccio? Se dovessi trovare un acquirente per il pc troverà installata la opensuse 10.2.

Posta un commento